Cade il primo diaframma al San Gottardo

6 settembre 2006
Un evento storico
Un evento storico

Il 15 ottobre 2010, sotto Sedrun, cade il diaframma principale della galleria di base del San Gottardo. L’evento viene inscenato ad arte senza badare a spese. (2010, AlpTransit San Gottardo SA)

La prima delle due frese arriva alla stazione multifunzionale di Faido il 6 settembre 2006. Il 26 ottobre i minatori partiti da Bodio stringono la mano a quelli di Faido anche nel secondo tubo e, insieme a un migliaio di ospiti, festeggiano nel cuore della montagna. Dopo un avanzamento di 13,5 chilometri che ha richiesto quattro anni di lavori, il diaframma cade con grande precisione di tracciamento: la differenza è di 5 cm di lato e 2 cm in altezza. Le due frese sono cinque volte più veloci dei minatori che hanno scavato la prima galleria del San Gottardo a distanza di 125 anni.

« 410 metri di lunghezza e... voracissima! »

AlpTransit San Gottardo SA, Bollettino interno «Baublatt», 09.07.2010

Caduta dell'ultimo diaframma Faido-Sedrun 15 ottobre 2010

2010, AlpTransit San Gottardo SA

Caduta dell'ultimo diaframma Faido-Sedrun 15 ottobre 2010

Caduta dell'ultimo diaframma Faido-Sedrun 15 ottobre 2010, 2010 (AlpTransit San Gottardo SA)

410 metri

è la lunghezza della prima fresa utilizzata; la galleria di base del San Gottardo è stata scavata da quattro frese: Gabi I, Gabi II, Heidi e Sissi.

51 frese

impiegate nella costruzione della metropolitana nella grande città cinese di Guangzhou.

56 metri

di galleria scavati al San Gottardo il 19 luglio 2009: si tratta del record mondiale di avanzamento in 24 ore per una fresa per roccia dura di tali dimensioni.

Condividi questa pagina